4. I sali

4 I sali Il sale più comune è il cloruro di sodio (NaCl) che viene quotidianamente usato in cucina ( 9 ). Si estrae dai giacimenti formatisi da antichi mari interni o, al giorno d oggi, direttamente dal mare per mezzo delle saline, vasche vicine alla riva che vengono riempite dalle acque durante l alta marea o con l uso di pompe. L evaporazione dell acqua fa depositare il sale sul fondo. SCOPRI OSSERVA 9 Come si forma un sale? Nell esperimento si prelevano alcune gocce di ammoniaca e si pongono su un piattino. Con un secondo contagocce si preleva un po di acido cloridrico e si depone sul fondo e sulle pareti di un becher ( a ). Sia l ammoniaca sia l acido cloridrico sono molto volatili e i loro fumi sono irritanti, perciò occorre svolgere l esperimento con guanti, mascherina e occhiali. Il becher viene subito capovolto sul piattino in modo che le due sostanze possano reagire ( b ). Dopo poco si osserva la formazione di una polvere bianca che si deposita sul piattino: il cloruro di ammonio, che è un sale. Analizza Quali sono le sostanze reagenti? Quale sostanza si deposita sul piattino? Che aspetto ha? a b Equazione della reazione HCl + NH3 NH4Cl ammoniaca cloruro di ammonio + acido cloridrico I sali si possono formare attraverso una reazione chimica tra un acido e una base e sono sostanze neutre. 116 A LA MATERIA

4. I sali